Come pulire i carciofi senza impazzire e, soprattutto, senza rovinare questo bellissimo fiore?

La mia regola numero uno per una pulizia carciofi a regola d’arte è:

  • per pulire carciofi usa un coltellino ben affilato! 

Questo vale sia per chi è alle prime armi sia per chi vuole fare un lavoro ben fatto.

Proprio come ho fatto per il pesce (come pulire la sogliola), anche qui voglio farti vedere come si puliscono i carciofi mostrandoti direttamente come lo fa il mio fornitore di ortofrutta di fiducia.

I passaggi infallibili per pulire i carciofi

Ti riassumo i passaggi che vedi ben illustrati anche nel video:

  1. inizia a mondare i carciofi eliminando le foglie esterne fino a quando la parte bianca non raggiunge la metà della foglia, a quel punto puoi fermarti
  2. con un coltellino ben affilato (lui usa uno spelucchino) elimina la parte superiore del fiore tenendo il coltello a 45°; se non hai molta manualità puoi anche iniziare facendo un taglio un po’ più orizzontale, man mano poi riuscirai a farlo obliquo
  3. quando il carciofo lo richiede, elimina anche le punte delle foglie situate nel cuore, così puoi “accedere” a quella che noi romani chiamiamo barbetta (o peluria) ed eliminarla (personalmente uso un cucchiaino o un coltello a punta tonda per farlo)
  4. procedi poi eliminando le fibre esterne del gambo (tieni il cuore del gambo che è buonissimo!)
  5. rifinisci la base del carciofo

Consigli per carciofi perfetti

Pulite i carciofi tenendo sempre vicino a voi una bacinella con acqua acidulata con il succo del limone. Una volta pulito, mettete il carciofo nell’acqua acidulata così non annerirà. Potete anche strofinare un poco il limone già spremuto sul fiore prima di immergerlo nell’acqua.

Come si pulisce il carciofo lo abbiamo visto, ma voglio lasciarti qualche consiglio sugli scarti in un prossimo articolo 😉

Bene, una volta puliti puoi usarli per realizzare tante ricette con i carciofi! Qui trovi il mio archivio di ricette Bimby con carciofi.