Scopriamo insieme i semi di psillio. Certo il nome non aiuta… Ma loro sì! 🙂 Scopri con me tutti i benefici di questo preziosissimo semino.

Che cos’è lo psillio?

Lo psillio che si trova comunemente in commercio è il seme del Plantago Psyllium, una pianta erbacea annuale della stessa famiglia della piantaggine che è coltivata soprattutto in Iran, India, Pakistan e negli Stati Uniti d’America, ma che si trova anche in Italia. 

Semi di psillio o cuticole?

La puoi trovare in vendita come semi di psillio o bucce di psillio (il termine esatto è cuticole) ottenute anche da Plantago Ovata.

Come è facilmente intuibile, le cuticole sono la parte esterna che racchiude i semi. La scelta tra semi o bucce dipende dal tipo di utilizzo che ne devi fare.

Semi di psillio: come utilizzarli

Puoi trovare in commercio i semi di psillio sia sotto forma di farina sia interi. Il loro utilizzo è prettamente culinario: grazie al loro potere “gelificante” regalano impasti morbidi e permettono di addensare varie preparazioni. Puoi usare i semi anche nelle insalate o nelle bowl dolci (te ne parlo meglio più avanti).

I semi non sono ideali se vuoi assumerli per le loro proprietà, perché prima di essere assunti vanno lasciati almeno 30 minuti in acqua calda (non basta metterli nel liquido caldo, girare e bere). Alla fine l’acqua dentro la quale sono stati in ammollo i semi diventa come un gel, ma ottenere la consistenza giusta è molto difficile e rischi che diventi imbevibile!

La cuticola di psillio

Le cuticole sono, in pratica, il solo rivestimento del seme e sono molto più facili da utilizzare perché non vanno fatte ammorbidire in acqua calda. Basta metterle nel liquido, girare e bere immediatamente (se si aspetta troppo l’acqua gelifica eccessivamente). In questo modo, le cuticole sono più facili da assumere. 

Puoi, inoltre, usarle anche per alcune ricette. 

Quando usare lo psillio?

Lo psillio ha diversi effetti benefici legati alla sua proprietà di assorbire i liquidi (proprietà igroscopica). Infatti lo psillio va assunto con dei liquidi, come l’acqua, ma io ti consiglio anche il succo d’arancia o di mela. Lo psillio assorbe l’acqua e assume la consistenza di una gel. Questo conferisce allo psillio tantissime qualità.

Lo puoi assumere per: 

  • Stitichezza
  • Diarrea
  • Pulizia dell’intestino
  • Agevolare regimi dietetici
  • Colesterolo e glicemia

Stitichezza

Il rimedio per il quale lo psillio è più noto è sicuramente per la stitichezza. Infatti, assorbendo l’acqua e diventando una sorta di gel, favorisce il transito intestinale. Una volta assunto, però, devi bere un’adeguata quantità di liquidi per favorire il transito delle fibre.

Esistono in commercio anche pratiche bustine pronte all’uso e aromatizzate. Sono un po’ più care rispetto al prodotto e ovviamente passano attraverso il sistema industriale. Ma possono essere più comode, ad esempio, durante i viaggi.

Diarrea

Lo psillio funziona molto bene non solo in caso di stitichezza, ma anche nel suo opposto, ovvero in caso di diarrea. Va assunto con poca acqua e, in questo modo, assorbe l’acqua in più che trova nell’intestino.

Pulizia dell’intestino

Lo psillio ha anche un effetto regolatorio sull’apparato digerente e permette di pulire l’intestino. Per questo viene usato contro le infiammazioni del colon e quando sono presenti i sintomi dell’intestino irritabile. Le mucillagini e gli iridoidi che contiene hanno azione sfiammante (antinfiammatoria) e lenitiva.

Agevolare regimi dietetici. Come si usa lo psillio per dimagrire?

Lo psillio, avendo la proprietà di assorbire i liquidi, viene usato anche nei regimi dietetici. Non perché faccia dimagrire, ma per la sua proprietà “riempitiva”. In pratica, fa sentire meno la fame, riduce lo stimolo della fame perché conferisce un senso di sazietà. In questo caso va preso una mezz’ora prima del pasto.

Colesterolo e glicemia

Grazie alla sua caratteristica di accelerare il transito intestinale, lo psillio riduce l’assorbimento del colesterolo e degli zuccheri semplici. Quindi, è un aiuto per tenere sotto controllo il colesterolo cattivo e la glicemia.

Come consumare lo psillio?

Puoi prendere fino a un cucchiaio di cuticole e scioglierle in un liquido a piacere, e poi berlo. 

Considera 150-200 ml di liquido ogni 5 g di psillio.

In caso di diarrea, invece, va preso con pochissima acqua! 

La dose giornaliera consigliata si aggira tra 10 e 25 g.

Quando prendere lo psillio?

È consigliabile prenderlo prima o durante i pasti con molta acqua. Questo aiuta le fibre a espandersi nello stomaco e a muoversi attraverso il sistema digestivo. Come ho detto, in caso di diarrea, meglio prenderlo con poca acqua.

Io non ti consiglio di prenderlo la sera. Essendo un regolatore intestinale meccanico, infatti, si attiva con il movimento. Quindi, è meglio prenderlo nella prima parte della giornata: a colazione, a pranzo o a metà mattinata.

Importante è prenderlo lontano dai farmaci.  Se, ad esempio, devi prendere un medicinale appena ti svegli la mattina, aspetta 2 ore prima di prendere lo psillio.

Quando non prendere lo psillio? Controindicazioni

In generale, lo psillio è un prodotto molto sicuro, tanto che viene dato anche alle donne in gravidanza e ai bambini. Io stessa l’ho conosciuto proprio durante la mia prima gravidanza che è il periodo in cui il nostro intestino fatica un poco di più.

Tuttavia, non sempre è adatto e ti consiglio sempre di consultare il tuo medico per sapere se puoi prenderlo. Ad esempio, non va preso da chi segue una cura con insulina o in caso di occlusione.

Lo psillio in cucina

Avendo questa preziosissima qualità di assorbire l’acqua e creare una sorta di gel, ovviamente viene usato moltissimo anche in cucina.

Psillio a colazione

Puoi aggiungere lo psillio non solo in acqua, ma anche nel tuo succo, nel tuo frullato, oppure nello yogurt, nel latte o nella tisana.

Psillio per le tue ricette

Puoi aggiungerlo all’impasto del pane, in modo che diventi più liscio e il pane duri più a lungo.

Avendo una funzione addensante, puoi aggiungerlo anche a budini o minestre.

Psillio per le preparazioni senza glutine

Lo psillio è naturalmente senza glutine, per cui le sue proprietà possono essere sfruttate efficacemente in tantissime preparazioni per i celiaci. Fondamentale aggiungerlo nell’impasto per il pane o la pizza senza glutine, ma anche nei dolci. Infatti, lo psillio aumenta la sofficità della preparazione e il volume.

Psillio per le preparazioni vegane

Lo psillio viene usato molto anche da chi segue una dieta vegana. Infatti, trasformandosi lo psillio in un gel, esso ha una funzione addensante e, quindi, diviene un sostituto vegetale alle uova. Puoi leggere come fare nel mio articolo Come sostituire le uova

Come usare lo psillio in cucina

Per uso gastronomico lo psillio può essere usato in due modi differenti:

  • Puoi sciogliere i semi o le cuticole in acqua e aggiungere la gelatina che si forma nelle tue preparazioni. 
  • Puoi aggiungere le cuticole direttamente nelle preparazioni senza prima farle diventare gel.

Negli impasti, in media circa si usano 10 g di bucce di psillio ogni 300 g di farina. 

Che sapore ha lo psillio?

Lo psillio non sa di niente 🙂 Ha un sapore neutro e per questo puoi aggiungerlo dove vuoi!

Dove trovare lo psillio

Se pensi che lo psillio faccia al caso tuo, puoi acquistarlo qui: PSILLIO (Link di affiliazione: in qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei).